giovedì 31 marzo 2016

Domenica 10 aprile, venite a trovarci!


Ecco svelato l'arcano! Domenica 10 Aprile ci troverete al #farmersmarket presso Giardini Galbiati . Oltre al consueto...
Pubblicato da The Wool Cottage su Mercoledì 23 marzo 2016

alla prossima
Alessandra 

giovedì 24 marzo 2016

Cotone, dal seme alla fibra

Tutti noi  almeno una volta nella vita abbiamo visto una pecora e tutti sappiamo che dal suo prezioso vello si ottengono filati per riscaldarci nei periodi freddi.

Tutti noi conosciamo il cotone e sappiamo che è una fibra vegetale che viene trasformata in filato per i nostri capi estivi ma non tutti l'hanno visto.

Nel 2014 siamo riusciti a trovare qualche seme di cotone e sebbene la Lombardia non sia il luogo ideale per la coltivazione abbiamo provato ugualmente a seminarlo.

Abbiamo cominciato con una decina di semi che fortunatamente sono germogliati quasi tutti, da quelle uniche piantine siamo riusciti ad ottenere i semi per coltivarli l'anno seguente.

Nel 2015 la produzione è aumentata e abbiamo ottenuto il seme da seminare quest'anno.

Perciò nel 2016 abbiamo a disposizione circa 100 piante di cotone che ora si trova in serra e ha cominciato la sua crescita, ci vorrà ancora qualche mese per poter vedere il bellissimo batuffolo di cotone ma vogliamo tenervi aggiornati con delle foto per far vedere anche a voi che pianta meravigliosa è.


martedì 15 marzo 2016

Bicarbonato come sostitutivo del balsamo

Sperimentare, provare?

A me piace molto perciò quando sento o leggo qualcosa di interessante lo provo.

Avevo letto di come si può utilizzare il bicarbonato come sostitutivo dello shampoo, ho provato però i miei capelli non l'hanno gradito molto perchè sono grassi e allora ho cambiato metodo.

Ho messo un cucchiaino abbondante di bicarbonato in un bicchiere di plastica (non fate come me che la prima volta ho usato un bicchiere di vetro che poi ho fatto cadere in doccia, troppo pericoloso)aggiunto acqua e la dose di shampoo che uso di solito.

Ho bagnato i capelli, ho versato tutto su di essi e li ho lavati come sempre.
Ho notato che lo shampoo ha fatto più schiuma e a diversità del solito ne ho utilizzato soltanto una dose, mentre di solito devo lavarli due volte per lavarli bene.
Ho lasciato agire lo shampoo per qualche minuto e ho risciacquato bene pettinandoli.

La prima volta che l'ho fatto non ho utilizzato il balsamo perchè volevo vedere che tipo di risultato raggiungevo e con mia sorpresa i capelli sono apparsi subito morbidi e non ho avuto nessuna difficoltà a pettinarli usando l'asciugacapelli.

Devo dire che è un buon risultato visto che ho i capelli bianchi e quelli, se non uso il balsamo, sono ribelli.

Provate al limite buttate un cucchiaio di bicarbonato e dovete lavarvi nuovamente i capelli, se invece funziona anche per voi non dovete più preoccuparvi di acquistare il balsamo.

mercoledì 9 marzo 2016

Il Wool Cottage alla Cittadella in festa!


 Vi siete già segnati in agenda l'evento di sabato 12 e domenica 13 a Lonato del Garda (BS)?

Saremo presenti alla manifestazione "Cittadella in Festa" con i nostri prodotti (calze fatte a mano, pochette, guanti, lana filata a mano...) ma anche con tutti i nostri "attrezzi del mestiere".
Potrete vedere all'opera quel piccolo gioiello che è la macchina da maglieria circolare che utilizziamo per produrre le nostre calze, osservare da vicino il funzionamento del nostro filatoio a pedali e del fuso, e per l'occasione vi mostreremo anche un telaio a tavolette (che si utilizza per realizzare preziose passamanerie) auto costruito.

Dai, venite a trovarci e a respirare un po' di atmosfera del Wool Cottage, vi aspettiamo!



💟💟

domenica 6 marzo 2016

Tessitura manuale, ecco cosa si può realizzare

Nel Cottage ci sono molte stanze, una per ogni arte e ogni sogno.
Nella stanza della tessitura manuale si comincia a dar vita ad un qualcosa che può essere usato e che deve durare nel tempo.
Ecco il video che la custode del Cottage ha girato

 The Wool Cottage su Lunedì 21 dicembre 2015


Luigi, abitante del Cottage, ha dato sfogo alla sua voglia di fare e il tessuto che ne è uscito è robusto perciò è stato deciso di cucire uno zaino e dei portacellulare.
                      





                                                                           

sabato 5 marzo 2016

Come sono nati gli astucci - pochette del Cottage

Come nasce un astuccio? Per noi del Cottege ogni cosa se è possibile deve avere alcune caratteristiche fondamentali:

1 - deve durare nel tempo, non siamo per il compra, usa una volta e butta
2 – il materiale deve essere resistente
3 – la manutenzione deve essere il più semplice possibile

Perciò quando abbiamo deciso di provare a confezionare astucci, pochette, portatrucco, chiamateli come volete abbiamo seguito queste semplici regole.


- La lana ci sarebbe piaciuto fosse 100% pura lana ma per l'utilizzo di questi astucci era troppo delicata, avrebbe .dovuto essere lavata con maggior attenzione e avevamo il timore che non fosse troppo resistente.
Abbiamo pensato alla lana filata a mano, ma se dal punto di vista della resistenza poteva essere la scelta migliore (normalmente la lana filata da noi è ritorta maggiormente perciò risulta più resistente), purtroppo ha un piccolo inconveniente: un solo lavaggio sbagliato sarebbe sufficiente per trasformare l'astuccio in un astuccio di feltro grande 3x3cm, quindi abbiamo abbandonato l'idea.
Abbiamo allora optato per la lana che utilizziamo per le calze, 75% lana superwash e 25% poliammide, molto resistente sia all'usura che al lavaggio.



- La parte esterna è stata intelata con la fliselina per far si che l'astuccio mantenesse la forma, lo volevamo bello sodo.

- Per l'interno abbiamo scelto lo stesso tessuto che usano in sartoria per confezionare le tasche, molto resistente, non perde la forma.

- Per la cerniera lampo abbiamo scelto una cerniera che solitamente usano i calzolai, resistente nella parte tessuta e con i denti di metallo, pensavamo che quella con denti in plastica si sarebbe rovinata prima e siccome a noi non piace cambiare le lampo ne abbiamo scelto una a prova di strappo, oltretutto ha il cursore autobloccante perciò se non si tira verso l'alto il tiretto la lampo non si apre, quasi a prova di ladro.



Un saluto da Alessandra :)